Wednesday, October 12, 2011

Giveaway: Puella ➸ CLOSED


'Puella' is the nickname I use for my little sister, I thought it was just one of my nonsense inventions, but hear hear the name actually exist!? Apparently it's a latin word that means "little girl" (ha, perfect!) and it also happens to be the name of an italian handmade brand which creates very cute jewelry collections, using lost and found objects, crystals, french lace, vintage fabrics, old clock gears and treasures from forgotten drawers...
If you find it charming as much as I do, then I have good news: Barbara of Puella just created an exclusive bijoux inspired by Rosaspina Vintage and will give it away to one lucky gal... :)
*
"Puella" e' il nome con cui da sempre chiamo la mia sorellina, credevo non avesse alcun senso (anche perche' e' nato da distorsioni di parole con ancora meno senso) e invece poco tempo fa cosa scopro? Che e' un nome che in latino significa "fanciulla" (azzeccatissimo!), ed e' anche il nome di una bottega artigiana italiana che da piu' di dieci anni realizza collezioni di gioielli dallo stile molto fresco, utilizzando oggetti ritrovati, cristalli in vetro, pizzi francesi, tessuti vintage, vecchi ingranaggi, fotografie ed altre meraviglie recuperate da vecchi bauli...
Se l'idea vi piace ho buone notizie, Barbara di Puella ha deciso di creare un bijoux ispirandosi a Rosaspina Vintage e regalarlo ad una di voi... :) 



And as I imagined, the necklace she made is very pretty! I instantly fell in love with the little girl illustration on one of the pendants and I must confess that I'm going to be a bit jealous to see it leaving... but you never know, I might just get one myself ;)
So, here are the easy rules to enter the giveaway:
- leave a comment here writing one fun memory from your childhood
- and like Puella on facebook here
The winner will be picked on October 26th, you have two weeks from now. Don't forget to leave me a way to contact you! Good luck :)
*
E come immaginavo, la collana che ha realizzato e' troppo carina! Mi sono subito innamorata dell'illustrazione con la bambina su uno dei ciondoli e confesso che mi dispiacera' un po' vederla andar via, ma mi accontentero' riguardando queste foto e non e' detto che non me ne faccia fare una anch'io ;)
Per partecipare al giveaway le regole sono semplicissime: 
- lasciare un commento qui sotto scrivendo un ricordo divertente della vostra infanzia
- e lasciare un "pollicino in su" sulla pagina facebook di Puella qui
La vincitrice verra' estratta il 26 Ottobre, avete due settimane di tempo! Oh e non dimenticatevi di lasciarmi un modo per ricontattarvi! Buona fortuna :)




UPDATE: il giveaway e' concluso e la vincitrice e'.... Cannella! Congratulazioni cara, ti contattero' tra poco ;) A tutte le ragazze che hanno partecipato vorrei dire un grazie immenso, leggere i vostri ricordi e' stato non solo piacevole, ma anche un tuffo nel passato, mi avete fatto tornare alla mente tanti momenti della mia infanzia che erano rimasti nascosti da qualche parte per tanto tempo!
*
UPDATE: the winner of this giveaway is... Cannella! Congratulations dear ;) I just wanted to say thanks so much to everyone for participating with all your lovely memories, it was delightful to read them all and they also brought back many fun moments of my own childhood that have been hidden somewhere for so long!

47 comments:

Danielle Villano said...

One of my favorite childhood memories is going to feed ducks at a small pond with my grandmother! So much fun! :)

I also like the page on FB as Danielle Villano.

Best,
Danielle
loveandlookpretty@gmail.com
http://loveandlookpretty.blogspot.com

cannella said...

Un ricordo caro della mia infanzia sono i picnic in montagna con i miei genitori! Che scorpacciate e che panorami mozzafiato!

ciao!
veronicaleoni@virgilio.it
http://lasoffittadellestoffe.blogspot.com/

お菓子 Okashi Lau said...

Davvero splendida quella collana!

Un bel ricordo della mia infanzia è quando andavo a funghi con mio papà in montagna e mi spiegava i diversi tipi di funghi che trovavamo... :-)

Laura Cargnin
cargnin.laura@gmail.com

Liliana said...

Il ricordo più bello della mia infanzia è quando mi mettevo le cose di mia mamma e giocavo a fare la mamma..ciao Liliana-lucico70@libero.it

Florinda said...

Il ricordo d'infanzia più bello in assoluto è legato alla mia nonna paterna che purtroppo nn c'è più.
Sono ancora vivi nei miei ricordi i momenti passati insieme a giocare come due coetanee, a parlare,a ridere e cantare...lei è stata la mia seconda mamma. <3
FB: Florinda Fraccalvieri
e-mail floryfrancy@inwind.it

Pink Angel said...

Un ricordo divertente della mia infanzia è quando giocavo con mio cugino che aveva la mia stessa età e quando litigavamo lui aveva sempre la peggio e io gli tiravo sempre le orecchie...beh se ora ha le orecchie a sventola è un pò colpa mia :D

Autilia De Simone
auty87@hotmail.it

Morgana DeLarge said...

Ciao,
partecipo volentieri!
Ho seguito tutti i passaggi
ed ho condiviso sul mio profilo Facebook:
http://www.facebook.com/profile.php?id=100001967038837
La mia email è :
giovannamata@gmail.com

Un ricordo divertente della mia infanzia sono i pomeriggi passati a giocare con le mie gatte, mettevo loro i vestiti delle bambole ed organizzavo delle scenette! :p Poverineeeee!

A presto! :)

punkettina85 said...

un ricordo d'infanzia che sembrerà stupido ma a me è rimasto impresso era quello di vedere ok il prezzo è giusto col mio nonno che ora non c'è piu!a lui piaceva tanto e a me piaceva guardarlo con lui :-)
punkettina85@hotmail.it

Juliae said...

Meravigliosa collana <3
Puoi contattarmi nella mia mail: arres93@hotmail.it oppure con un mess in PVT su facebook (questo è il mio profilo: http://www.facebook.com/profile.php?id=1012510493 )

Un ricordo bello della mia infanzia è il giorno in cui ho imparato ad andare sulla bici :) Ricordo che ho imparato grazie a mia padre, abbiamo deciso di provare a levare le rotelle di punto in bianco e partire all'avventura. Io sono riuscita a mantenermi subito in equilibrio invece lui ha beccato una buca ed è caduto ! Ricorderò per sempre le risate di quel pomeriggio :')

mm2 said...

un ricordo della mia infanzia è legato a quando giocavo a fare i pittori con mio fratello: scendevamo in giardino a prendere la busta di carbonelle e ci sporcavamo... che bei tempi!!

maria moccia
vinmoccia@atisclai.it

mini nuni said...

uno dei miei ricordi d'infanzia mi riporta alle cene a casa di mia nonna e a noi cuginetti che ci raccontiamo le storie horror seduti nel portone al buoi.hihihihhi rido ancora pensandoci.sono nuni piccolomini su facebook e la mia mail è piccolominianna@gmail.com

Anonymous said...

La super-merenda brasiliana che mia mamma preparava per noi quando tornavamo dalla piscina. ;)

M.*

monica_guglielminetti@hotmail.it

Anonymous said...

ehy ma sono io che mi sbaglio o la vincitrice dell'altro giveaway ancora non é stata estratta? magari me la son persa...ad ogni modo un bacio

Carmen said...

ti seguo e condivido su fb
un ricordo? a pallavolo con le amiche in cortile, senza dubbio il ricordo più bello!

Carmen giveaway
jasminem2004@hotmail.com

Rosaspina Vintage said...

@Monica - la vincitrice dell'ultimo giveaway e' stata estratta, la trovi sia alla fine dello stesso post che su twitter e facebook :)
http://rosaspinavintage.blogspot.com/2011/09/giveaway-niandras-hot-air-balloon.html

ps - sto adorando leggere dei vostri ricordi, me ne hanno fatti tornare in mente tantissimi, grazie ❤

Federica said...

Partecipo :) Ti seguo tramite GFC, il nick è Federica.

Un ricordo dell'infanzia? Il mio preferito: mia nonna un giorno attaccò a una pianta dalle foglie grandi e i fiori viola, coi semi neri sporgenti, tante monetine ( parliamo degli anni '90, immaginate tutte queste lire attaccate alle foglie, come giocciolone luccicanti e argentate! ) dicendomi: " Hai visto? È la Pianta di Miracoli di Pinocchio! "
Immaginate la mia gioia di bimba nell'assistere a un simile prodigio! E ancora non sono del tutto convinta non si sia trattato d'un semplice gioco della mia nonnina.. ;3 Si sa mai!

Ho polliciato sulla page di Puella, il mio nick Fb è Coactus Volui.
Federica ( federicacossuu@gmail.com )

Anonymous said...

Anche se ormai la vincitrice è stata estratta non riesco a fare a meno di raccontare un magico ricordo di quando ero una giovane "puella".

Era una di quelle fredde giornate invernali quando gli antichi portici di Savona sono completamente deserti.
Sarei rimasta a casa, al caldo a giocare alle bambole ma la mamma aveva sempre una buona scusa per uscire e fare un giro per negozzi. Annoiata e infreddolita dal classico vento di mare che ti fa tremare, chiesi alla mamma di tornare a casa ma dolcemente mi disse che saremmo rientrate dopo un ultima vetrina. Attraversammo dunque via Pia fino alla piazzetta del piccolissimo bar degli uccelli (come lo chiamavo quando ero piccola), girammo l'angolo e giunsimo a una piccola boutique in legno bianco, accogliente e dai toni pastello... ricordo ancora che in vetrina erano esposti una decina di bracciletti di perline in legno di un delizioso rosso natalizzio.
Entrammo, osservai quei braccialetti senza osare toccarli mentre la mamma provava piccole borse di lana, dolci collane colorate e orecchini di tutti i tipi.
Fu la prima volta che entrai nella boutique Puella di via Pia e il braccialetto rosso con le stelle bianche fu il mio primo aquisto. Lo porto tuttoggi e lo conservo come un tesoro.
Oggi ho 16 anni e studio in un collegio internazionale sopra ad Antibes ma tutti i sabato pomeriggio attraverso via Pia, giro l'angolo ed entro in un mondo incantato dove torno ad essere una puella.

Camilla Politi
politicami@hotmail.com

rosaspina86 said...

che collana stupenda1 ma lo sai che il mio nick è rosaspina e vivo a savona? che coincidenza!!! e non sapevo l'esistenza del negozioooooooo!!!!
cmq tra i tanti ricordi mi viene inmente che da piccolo un giorno si e un giorno no mi svegliavo e mi piaceva cambiare identità e cosi molto spesso pretendevo di essere e di essere chiamata principessa dai capelli blu eheheh mia mamma ancora mi prende in firo per questa cosa!

marialice pompilii
rosaspina86@gmail.com

Rosaspina Vintage said...

@Camilla - tranquilla, sei in assolutamente in tempo! La vincitrice a cui ci riferivamo io e Monica poco fa era dell'ultimo giveaway, quello del ciondolo mongolfiera ;)
E' incredibile pensare che tu abbia conosciuto Puella quando eri ancora bambina, mi sento vecchissimaaa :D

Eilinor said...

Che bell'iniziativa! e che bel blog! l'ho appena scoperto!
Un ricordo della mia infanzia?
Un giorno, giocando con sorelline e cuginette con una palla di gommapiuma c'è stato un piccolo incidente: la palla è finita su una lampada alogena ed ha preso fuoco.
Bellissima la faccia di mia mamma quando, al grido di "guarda, il fumo" prima pensa che sia solo pulviscolo illuminato dalla luce, poi cerca di spegnerlo con un bicchiere d'acqua.
E ancora più esilarante il momento in cui ci chiese chi era stato: io che indico mia cugina, le che indica la mia sorellina e la mia sorellina che indica un peluche ^-^
Di giornate così divertenti e piene di gaffe ne ho avute poche!
Ho commentato su fb come Eleonora Sioli.
Auguri a tutti per l'estrazione!

piukina said...

un ricordo divertente della mia infanzia... una notte mi svegliai, salii scalza al piano di sopra, suonai e chiesi alla signora se avesse del prezzemolo da prestare a mia madre Oo Mi prendono ing iro ancora adesso x questa cosa!!!!

piukina81@gmail.com

su facebook sono Francesca Concorsista

Fata Fatata said...

partecipo e condivido
https://www.facebook.com/dolcemanu86
email:ilregnofatato@hotmail.it
un ricordo della mia infanzia...una volta..sognavo..non sò cosa è mia sorella mi diceva ke cantavo una canzone...mentre dormivo "su nel cielo blu c'è una stella blu" troppo forte hihiihihii

julie said...

Funny memory.. well, I once locked my grandma outside the house..and it was winter! It was fun for me but not for her

julie said...

oh... my email is iuliagaurean@yahoo.com

Chiara :) said...

Un ricordo divertente? Da piccola cantavo le canzoni modificandone i testi a mio piacimento e adattandole ai vari contesti... e ne uscivano di belle!!! xD

kia9886[at]interfree[dot]it

eleonora.marchetti said...

Merviglioso ciondolo...il ricordo migliore della mia infanzia sono sicuramente i pomeriggi passatti con le mie 2 cuginette a giocare con il fango mentre nostro nonno curava l'orto. :) e la faccia di mia madre quando le portavo a casa orgogliosa la mia "torta di fango"!

Eleonora.marchetti@libero.it

LAURA VALZY said...

ECCOMI, PARTECIPO E CONDIVIDO SU FB DOVE MI TROVI COL NOME LAURA VALZY. LA MIA MAIL è
valzy87@yahoo.it
SPERO!!! :D
IO DA PICCOLA VOLEVO ESSERE UNA PRINCIPESSA E SOGNAVO...SOGNAVO...

Giusy said...

Partecipo volentieri! Sono follower e ho condiviso sul mio profilo fb:
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=104636336314272&id=1105518558
Un bel ricordo che ho della mia infanzia riguarda le giornate passate a mare con i miei..partire presto la mattina..un'ora di macchina..qualche ora di puro divertimento e un'altra ora per tornare a casa..stanca ma sempre contenta..e a volte anche bruciacchiata!!!
flyqueen@hotmail.it
Giusy Taccetta

francesca said...
This comment has been removed by the author.
Laura said...

Il mio ricordo stupendo e che esiste ancora sono i pic nic al mare con la mia famiglia :)

occhi_di_ghiaccio@live.it

Cute Girl said...

Partecipo! Un ricordo della mia infanzia??? I pranzi della domenica con tutti i miei parenti a casa dei miei nonni paterni...


FB: Sae Kurosawa
Email: Tifafd[at]libero.it
[at]=@

Anonymous said...

Il più bello...


http://2.bp.blogspot.com/-TeetBUWByhA/Tg4Kof8YK3I/AAAAAAAACDM/cEDsOt2VNbM/s400/thoms-steve-prato-di-rosso-e-oro.jpg

e tre bimbi che correvano a perdifiato...

Non vedo l'ora di riprovare quel fiatone...


michelle900@ymail.com

L'armadio del delitto said...

Ooh Puella! Mi piace tantissimo! Non partecipo al giveaway perché ho già un'adorabile spilla loro ed è giusto che sia un'altra ragazza a vincere, ma ho messo un "Mi piace" alla loro pagina!
Questa collana è davvero Rosaspina Vintage style, un amore!

Dolce Candy said...

un ricordo caro della mia infanzia è quando indossavo vestiti e tacchi e a spillo di mia madre e giocavo a diventare grande.
la ia email: vincenzabalice@gmail.com
su fb sono: incantesimi di fimo

Anonymous said...

Adoravo fare bolle di sapone. Leggere,trasparenti, ma con infinite sfumature di colore. Le rincorrevo, le osservavo. Col primo ostacolo sparivano e mi schizzavano sul viso gocce d’acqua saponata. Il tempo di bagnare di nuovo la cannuccia e un altro sogno iniziava.

La mail è: sgomma7@libero.it
Ciao!

Hjoral said...

Ciao! Intanto ti lascio subito la mia mail, sennò capita che me la scordo!!!!!

alice_bassi@alice.it

Infanzia... ti racconto il gioco che amavo di più (e che appena mia madre si accorgeva avevo intenzione di farlo le veniva voglia di spararmi e spararsi): Il Compleanno Della Bambola. Sì. Perché io ADORAVO cucinare (o fingere di farlo), perciò prendevo tuuuuuutte le mie padelle e pentole e pentoline e pignatte e via discorrendo e fingevo di preparare il pranzo per la festa di compleanno del mio orsacchiotto o della mia bambola preferita del momento. Arraffavo piccoli oggetti da tutta la casa che poi incartavo come fossero doni; li facevo scartare alla bambola (chiaramente li scartavo io ma le muovevo le manine come se fosse lei a farlo) e poi ero sinceramente emozionata quando lei scopriva cosa le avevo regalato, ricoprivo letteralmente il tavolo di cucina con vassoi e vassoietti stracolmi di cibarie inventate o di cartone (le disegnavo, coloravo e ritagliavo appositamente).
Un'altra versione del gioco era La Città Infinita: prendevo tutte (ne avevo e ho ancora 68) le mie Polly Pocket, le aprivo e le dispiegavo sul tavolo di cucina (sì, sempre lui) creando una metropoli dei sogni.
Quanti bei ricordi... spero tanto di avere una bimba o un bimbo, un giorno, per rivivere insieme a lui quei momenti magici e speciali <3
Buona fortuna a tutte! ^.^

Alice Bassi

Anonymous said...

mi ricordo che da piccola mi divertivo a fare un sacco di foto ai miei genitori con la macchina a rullino ma solo per sentire il "click" dello scatto :)


martina275@hotmail.it

caty said...

Un ricordo divertente:
Io abitavo (edtutto ora abito) in campagna,dopo ogni pioggia,là dove non vi era né cemento e né erba,la terra diventava fangosa,in particolare modo in un punto che formava una piccola conca e lì confluiva un pò dell'acqua che era scesa abbondantemente,ecco quel punto diventava la mia pasticceria...
prendevo il fango e cominciavo a creare le mie torte e poi le lasciavo asciugare al sole,ed io ero al settimo cielo,mi bastava del fango per essere felice..altro che adesso...quante ne devo escogitare per distrarmi un pò..per non parlare del fatto che appena ho le mani sporche di terra corro immediatamente a lavarmele..invece prima più rimanevano sporche e più ero felice..
PS: naturalmente le torte non le mangiavo :)
FB: caterina mariposina
email maison-@hotmail.it
gfc: catymariposina

julie said...

Il ricordo più bello della mia infanzia è legato ad un oggetto, un pennellino arruffato color azzurro tiffany.
Un pennellino da bambole con cui mi divertivo moltissimo nel far finta di essere un donna e truccandomi, cercavo quasi di imitare mia madre che di nascosto, di tanto in tanto, spiavo.
Conservo ancora gelosamente quel pennellino, chissà, mia figlia ne sarà felice un giorno :-)
july.a@hotmail.it

Irene said...

Che bello leggere i ricordi di tutti :) la collana poi sembra davvero deliziosa...ok, proviamoci.

Uno dei ricordi più belli della mia infanzia è il sabato mattina: mia madre era al lavoro e stavo da sola con mio padre. Lui ama profondamente Torino, la nostra città: conosce un mucchio di storie interessanti sugli edifici in centro, sui palazzi barocchi, su quelle viuzze piccole un po' dimenticate dietro alle piazze principali. Il sabato mattina lo dedicavamo a queste lunghe passeggiate, e ogni volta scoprivo qualcosa di più. E' riuscito a trasmettermi passione e curiosità verso Torino, tant'è che ancora adesso adoro vagabondare per le vie del centro a caccia di storie. Finita la passeggiata, tornavamo a casa pronti a cucinare il pranzo per la mamma: mentre era ai fornelli, papà metteva sempre su un po' di musica. A volte classica, altre volte rock. Adoravo scegliere il vinile basandomi sulle suggestioni della copertina, e anche dare una mano a cucinare, in attesa del giudizio della mamma sui nostri piatti! :) il bello di questi sabati mattina è che me li porto dietro ancora adesso: mentre corro da un impegno all'altro sotto i portici non dimentico mai di dare un'occhiata alla casa di Nietzsche e mentre cucino i miei pasticci i Beatles non possono mancare!

Un bacione

fb: Irene Moccia
email: mocciairene@gmail.com

va said...

One of my favorite memories as a kid was going with my mom out to eat and shopping . She took me to the best places in Sf union square and nordstroms restaurant on the upper floor . It was one of my favorite memories I wish to relive with my mom sometime in the future .

fb / ana amanti
intl.
tumblemumbo at gmail.com

Rosie said...

Un ricordo della mia INFANZIA:
quando al mare in estate passavamo il tempo a rincorrere i granchietti sugli scogli nella speranza di prenderli ;)
ro_palmisano@live.it

Patrizia said...

Quanti ricordi teneri e divertenti...a me tornano in mente le partenze per la casa di campagna, da me tanto attese perchè significavano libertà e scoperte impensabili in città: mia nonna aveva bagagli epici, dalla valigia old style al pacco dei "suoi" cuscini, e aveva personificato, per così dire, la borsa dove custodiva soldi e gioielli, chiamandola Carlotta. Ma per me scoppiò un dramma considerevole quando mi accorsi che Trudi, il coniglio di peluche con cui dormivo, era stato dimenticato a casa...
Patrizia (pferrando@libero.it)

acasadiclara said...

mi ricordo benissimo di quando ho imparato ad andare in bici al parco Lambro a nord di Milano. ho fatto un sacco di cadute nel prato ma alla fine ci sono riuscita anche io!!!!! avevo 6 o 7 anni!!!!! ciao!!!
clara
claramarina07@libero.it

Alyces77 said...

Un ricordo dell'infanzia?
Mio nonno vestito da Babbo Natale che è arrivato con la slitta e i cavalli (ne aveva 4 che curava in una stalla) in mezzo al cortile della scuola materna.
E' entrato nel salone dove ero seduta in cerchio insieme a tutti gli altri bambini delle varie sezioni e mi ha preso in braccio.
Volevano tutti essere al posto mio e mi indicavano sorpresi che avesse scelto me e mi avesse consegnato un pacchettone regalo.
Una volta tornata in classe ho aperto il pacchetto e distribuito le caramelle contenute ai miei compagni e alla mia maestra.
Non ho mai detto a nessuno che quel signore con la barba bianca era mio nonno e che non avrebbe potuto scegliere che me.

micia said...

Un ricordo dell'infanzia:
quando andavo a casa di mia nonna, prendevo la sua scatola piena di bottoni e li mettevo in fila per colore e grandezza.
Se ne andava tutto il pomeriggio.
Non mi annoiavo mai
fb Silvia Gi
micia@email.it
grazie!!

la fra said...

il ricordo più dolce che ho della mia infanzia è l'aspettarmi, ogni sera, da parte di mio nonno per mangiare. Mi ricordo pochissimo di quel nonno, è morto che avevo quattro anni e mezzo, ma la sensazione di essere qualcosa di importante per lui l'ho ancora oggi nel cuore. Ed è una sensazione calda, tenera, un po' come le vecchie foto seppiate che fanno sognare pensando a chi abbiamo amato oppure non abbiamo neanche conosciuto ma la cui esistenza ha in qualche modo determinato la nostra...

FB: Francesca Romana Mazzuca
cescar76@gmail.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...